giovedì 18 giugno 2009

l'ufficio reclami

Qualche settimana fa mi sono svegliata nel pieno della notte con un assoluto bisogno di parlare con qualcuno. Cosi' ho acceso skype e ho chiamato mia sorella, e per fortuna l'ho trovata. Questo e' l'unico lato positivo del fuso orario. Avevo ricevuto una gran brutta notizia ed ero abbastanza disperata. Ora, sembra che le cose si stiano rimettendo un minimo a posto, c'e' un po' di speranza per lo meno (o me la sono creata io, non lo so ancora), ma gia' quella notte grazie a lei, come sempre, mi ero sentita molto meglio. Lei e' una specie di sole, scalda e illumina sempre qualche aspetto della realta' che per qualche motivo era rimasto in ombra. Ti fa ragionare con relativa calma anche quando sembra impossibile. L'altro giorno l'ho risentita.
- Come va?
- Ma insomma...
E comincio mestamente a raccontarle le ultime settimane. Oltre ai giorni splendidi in Messico e al nuovo lavoro, fra le altre cose ho ricevuto una cassa di vestiti in regalo, ho trovato cinquanta dollari per terra e anche un orologio d'oro in palestra. Ancora prima di essere felicemente mandata a quel paese, ascoltando la mia voce in quel preciso momento mi sono resa conto di quanto sono fortunata ultimamente. Mille cose. Per esempio, davanti alla scuola c'e' il mio negozio preferito, cosi' qualche giorno fa dopo la riunione decido di andare a dare un'occhiata ai saldi. Appena metto piede in ufficio, la segretaria mi corre incontro con una busta contentente un bonus di quaranta dollari da spendere nel suddetto negozio che uno dei genitori non aveva fatto in tempo a darmi l'ultimo giorno di scuola. Sono cose piccole, trascurabili, ma tante. Comincio a pensare che siano dei segni, dei segni che dovrei cogliere in qualche modo. Prima di parlare con mia sorella, non me ne ero rallegrata in alcun modo. Quando ho trovato i soldi per terra per la prima volta in vita mia, ad esempio, mi sono sentita triste per chi li aveva persi. Non avevo nemmeno considerato questi fatti come in qualche modo legati fra loro e magari non lo sono nemmeno, chi lo sa. Quello che e' certo e' che a volte l'autoboicottaggio e' piu' forte di tutto e ci fa vedere solo quello che non vorremmo vedere, quello che ci fa paura. La realta' diventa una specie di foto al negativo ed e' un peccato perche' invece succedono talmente tante cose intorno a noi. Comincio a convincermi che l'ufficio reclami della vita abbia deciso di mandarmi una sorta di risarcimento.

14 commenti:

Crazy time ha detto...

fammi parlare con tua sorella :)

nonsisamai ha detto...

dai, te la presto un'oretta ;)

tizi ha detto...

Viva le sorelle !!...e anche il fratello nel mio caso ,...ultimamente il mio e`un periodo particolare, in cui vedo un po` tutto nero ...ma ecco che arrivano immediatamente i miei raggi di sole in soccorso che riescono a farmi stare con i piedi per terra e a farmi vedere tutto con lenti dalle tonalita` vivaci...
...pure un orologio d`oro???
un abbraccio !

nonsisamai ha detto...

si, infatti non pensate male :)
l'orologio d'oro l'ho portato agli addetti della palestra, spero tanto che chi lo ha perso lo abbia poi ritrovato, pero' quello che mi ha fatto sentire fortunata e' stato trovare qualcosa di prezioso.

fragile093 ha detto...

Uh, che negozio? Adesso sono curiosa! =)

ps. Per il resto... ti capisco. Enough said.

dancin' fool ha detto...

:)

io invece con la mia di sorella sto iniziando ad avere un rapporto difficile.

lei ha deciso da anni di vedere tutto nero, è sempre nervosa e intrattabile. e al tempo stesso non vuole far nulla per muovere un passo.

e si incavola pure se cerchi di farle cambiare prospettiva.

Verde ha detto...

l'importanto è che ti stia rendendo conto che sei fortunata, si dice meglio tardi che mai no!? che bello dev'essere avere una sorella...

nonsisamai ha detto...

fragile: forever XXI

dancin: nessuno dice che sia semplice...

verdo: ecco, poi bisogna anche sercare di non dimenticarselo....

alice ha detto...

Nonsi, sei proprio una donna onesta e tutta d'un pezzo!
... io che sò stronza dentro (ma anche economicamente stretta-stretta-stretta) se mai trovassi un orologio d'ORO lo metterei su ebay la sera stessa. Senza manco penzarci.

Siete avvisati.
;)

Alice razziatrice

P.s. Il mio spirito proletario e spietato aggiungerebbe anche un cinico "e al diavolo il proprietario, che se hai una cosa così e non ci presti manco attenzione è perchè a a casa ne ha altri 20 uguali e dovresti andare a zappare. Tzè"
Ma poi chissà, magari è l'ultimo ricordo di famiglia di un nonnino con l'alzheimer, e te hai fatto una cosa bellerrima, eh.
:)

nonsisamai ha detto...

alice c'e' un problema: il karma!
mi sentirei troppo male...

JungleA ha detto...

Ciao, è vero Skype è fondamentale...i miei suoceri sono via da 3 mesi ma con quello ci vediamo tutti i giorni!!
:) le distanze un po' si accorciano...(giusto un po') ma meglio di 2 anni fa, quando un emigrante comunicava solo con lettere e rare telefonate intercontinentali a prezzi assurdi.
Oggi è diverso, è quello che vorrei far capire al mio nonnino...

Sono felice per te e per il tuo fantastico nuovo lavoro...
Tutti questi piccoli segni ti stanno semplicemente indicando che sei sulla strada giusta, che la direzione che hai preso è quella corretta, per questo accadono :)

Un abbraccio.

JungleA ha detto...

(ovviamente volevo dire 20 anni fa, ma non è partito lo zero.)

-.-

Baol ha detto...

Bisogna sempre buttare gli occhi i giro e guardarsi intorno!

;)

Al ha detto...

Hai restituito l'orologio d'oro,stare in USA ti sta rendendo meno italiana... ;)