giovedì 3 gennaio 2008

innamorati pazzi. pazzi

Io non so come facciano gli altri, ma io penso che domani mr. Johnson parte e mi sento male, non tanto ma un po' sì. Già solo l'idea dell'aeroporto mi innervosisce e poi anche pensarlo tutto solo lassù. Dicono che è una settimana e che non ha senso, ma per me ne ha e anche per lui.
Perchè gli altri non capiscono? Non è normale amarsi pazzamente?

35 commenti:

Prescia ha detto...

è normale....ma è raro...e voi siete fortunati...quindi molti non vi capiscono o più semplicemente vi capiscono ma vi invidiano troppo per ammetterlo.... ;)
buon anno!!!! :DDDDDDDD

marco v ha detto...

ma quanto e' bello tutto cio', ma veramente. senza parole. davvero raro e preziosissimo il vostro amore.
"mantenetevi" e "coltivatevi" sempre cosi'!
eccemarco

cowdog ha detto...

io ti capisco. benissimo.
ogni volta che il mio cumberlandsausage parte per un viaggio di lavoro, 3 o 10 giorni che siano, è come se mi strappasse un pezzetto di me.

Anonimo ha detto...

nina

direi che è semplicemente bellissimo.

La Francese ha detto...

purtroppo non è diffusissimo amarsi pazzamente, ci sono determinate combinazioni segrete che non sempre sono alla portata di tutti e anche chi le ha vissute se le puo' scordare, autodifesa per non rosicare troppo... cmq passa in fretta una settimana, non ti preoccupare :-)

nonsisamai ha detto...

prescia: :))

marcov: grazie marco...

cowdog: vive l'amour!

nina: ;)

lafrancese: sai che pensavo anche a te e nathan? pensavo che voi si che avreste capito nel vostro mondo di bene...

pensierorosa ha detto...

ti capisco benissimo!!!

tracina ha detto...

è tutta invidia ;-9
ed è normalissimo!pensa piuttosto a quanto sarà bello quando vi rivedrete :-D

the Sleeping Ugly ha detto...

io ti invidio molto, altro chè.
tienitelo stretto, amalo pazzamente!

fragile093 ha detto...

Ti capisco, eccome. Io così mi ci sento anche quando esce la mattina per andare a lavoro, a volte. Gli aeroporti poi, non ne parliamo. Guidare sulla 121 in direzione DFW mi fa salire lo stomaco in gola, anche quando nessuno è in partenza... Sono angosce che non si placano mai, croce e delizia di ogni Amore con la maiuscola. =)

Bacio lombardo (e innevato) di incoraggiamento, e tantissimi auguri di buon tutto - un po' in ritardo, perdono! Noi torniamo in Texas dopodomani, ci si risente da lì per lo scambio di impressioni. ;)

Lupo Sordo ha detto...

Vorrei essere anch'io così, ma per me e la mia lei oramai è normale la lontananza...

nonsisamai ha detto...

fragile: da quanto! lo sapevo avresti capito...io provo la stessa identica cosa quando faccio quelle strade...allora ci sentiamo da "casa", voglio tanto sapere cosa pensi di questo tuo ritorno.
un bacione e tanti tanti auguri

nonsisamai ha detto...

lupo sordo: io invece non mi ci abituo, sarà che siamo stati troppo lontani in precedenza...benvenuto e a presto

2pa ha detto...

ti capisco, eccome se ti capisco...e fidati che torino - montefeltro può essere come milano - dallas, o peggio quando sono via x lavoro nella mia adorata mezzaluna...
tieni botta, a giorni torni!!
aloha
2pa

Giuy ha detto...

E' normalissimo :) io faccio tragedie greche anche quando va via per soli due giorni :)

Fabrizio Cariani ha detto...

confesso che in Italia torno spesso da solo, un po' perche' Angeline fino a poco fa non aveva le stesse pause che ho io, un po' perche' ogni tanto mi convinco di avere bisogno di "tempo da solo" per rimettermi in prospettiva. Di fatto, le cose di cui mi convinco sono tutte cavolate. Comincio ad accusarel'imminente separazione mentre preparo la valigia, e non smetto piu' fino a quando non sono tornato a casa.

Anonimo ha detto...

E' troppo bello quello che hai scritto.. tutti dovrebbero amarsi così, perchè è giusto, perchè sapere che c'è qualcuno che si vuole bene in questo modo aiuta a credere nell'importanza di un sentimento.
bacione e stai serena!

amoilmare

S.B. ha detto...

Non è normale: è bellissimo ! :-)
Auguri !

haroldandmaude ha detto...

Dopo 12 anni, di cui quasi 8 di convivenza, se sta fuori una notte, quando torna il giorno dopo sono felice come una bimba il giorno di Natale... Ma non è sempre stato così. Quindi so per certo che è una fortuna provare una cosa del genere :)

PS
Ho aggiunto i miei consigli su libri-film-musica, spero che qualcosa ti torni utile :) )

ossimorosa ha detto...

Non credo che la gente non capisca. Capisce eccome. Solo che ci sono persone che si fanno influenzare da una visione distorta, dall'idea che sia stupido mostrare tutta la fragilità che l'amore porta a galla.
Capiscono eccome, magari invidiano, magari fingono che non sia così e negheranno fino a prova contraria.
Alla fine, chi se ne importa. Se si ama, tanto basta.

janetframe ha detto...

io ti capisco. io mi sento persa quando lui è via anche solo per due giorni...

Labelladdormentata ha detto...

Non riesco a leggere il tuo blog, dopo un pochino si apre una pagina non richiesta. Ti abbraccio

Katika ha detto...

Ti capisco e ti dico che non è una cosa alla quale ci si abitua del tutto. Mio marito fa il pilota e siamo sposati da 9 anni: dovrei essere abituata alle sue assenze, ma ogni volta che lo vedo andar via c'è sempre questo spillone che mi punge il cuore. Mi sa che noi donne siamo tutte un pò così. Katika

nonsisamai ha detto...

labellaaddormentata: grazie per avermelo detto! mi informerò per capire cosa succede, è proprio una scocciatura...

MiKo ha detto...

Terribili gli aereoporti. Ma vi assicuro che le stazioni sono molto peggio...

nonsisamai ha detto...

miko: gli aeroporti per me sono più angoscianti perchè oltre all'emozione dell'addio c'è anche la paura di arrivare in ritardo, di avere i bagagli troppo pesanti, di avere i documenti in disordine...

MiKo ha detto...

Ma il treno che parte piano piano, la faccia che se ne va e tutto il contorno sono strazianti....

nonsisamai ha detto...

miko:è vero, hai ragione. e poi vuoi mettere tutta la poetica del treno nel cinema e nella musica? non mi viene in mente nulla degno di nota ambientato in aeroporto...

nonsisamai ha detto...

miko: una canzone su tutte...

"J'ai pensé qu'il valait mieux
nous quitter sans un adieu
je n'aurais pas eu le coeur de te revoir
mais j'entends siffler le trainque
c'est triste un train qui siffle dans le soir
j'ai failli courir vers toi
j'ai failli crier vers toi
c'est à peine si j'ai pu me retenir
que c'est loin où tu t'en vas
que c'est loin où tu t'en vas
mais j'entends siffler le train
que c'est triste un train qui siffle dans le soir
je pouvais t'imaginer toute seule abandonée
sur le quai dans la cohue des aurevoirs
et j'entends siffler le train
et j'entends siffler le train

auras tu jamais le temps de revenir
J'ai pensé qu'il valait mieux
nous quitter sans un adieu
mais je pense que maintenant tout est fini
j'entendrai siffler ce train toute ma vie"

MiKo ha detto...

@nonsi: Sono dovuto ricorrere alla mie migliori abilità di linguista, rispolverare il mio francese di scuola media e rileggerla più volte, ma è davvero bella e direi che hai precisamente colto nel segno, anche se ormai di treni "qui sifflent" se ne sentono pochi (ammesso che, per quel poco che mi ricordo, si scriva così). Visto che sembriamo avere una certa convergenza di gusti (almeno musicali), se segui qualcuno dei consigli su libri&musica mi fai sapere che ne pensi?

nonsisamai ha detto...

miko: certo! ho comprato un libro di carofiglio che mi sembra mi avessi consigliato tu, però me ne hanno regalati molti altri quindi, peso permettendo avrò da leggere per un bel po'!! :)

MiKo ha detto...

Spero non abbia comprato "L'arte del dubbio": è interessante, ma un po' noioso. Soprattutto, non è un romanzo, ma una specie di manuale tecnico riconvertito per i non addetti ai lavori.

nonsisamai ha detto...

miko: si, per merito della commessa della libreria che mi ha consigliato invece il suo primo... :)

Anonimo ha detto...

Ti capisco perfettamente.
Non mi sono mai staccata dal mio fidanzato per più di una mezza giornata, il tempo di lavorare o fare qualcosa da soli, che ne so coltivare un hobby, fare la spesa, shopping .. ma non abbiamo mai dormito separati,nessuno dei due è mai partito senza l'altro, solo il pensiero di dormire nel nostro letto senza di lui una notte, mi faceva impazzire.
Poi un giorno lui non è più tornato a casa, aveva detto ci vediamo dopo, aveva detto che mi avrebbe portato a pranzo fuori la domenica, ma niente, non è tornato. E per questo non lo posso proprio perdonare.
Ho deciso di lasciare il mio commento perchè leggendo le tue parole ho rivissuto per un attimo, con invidia non posso negarlo, con milinconia, quelle belle sensazioni di quando sei fidanzato, di quando sei felice, di quando non puoi vivere un secondo senza chi ami. Non so come faccio ad essere ancora al mondo in effetti e me lo chiedo ogni secondo, ogni volta che mi ricordo queste emozioni stupende, ogni volta che penso a quanto ero felice, a quanto il mio fidanzato fosse semplicemente T U T T O per me, io non facevo proprio niente senza di lui, e tutto quello che facevo ruotava intorno al mio amore.. e sai qual'è la cosa strana?
Che è ancora così! Che nonostante questo scherzetto poco divertente che mi ha riservato la vita, nonostante tutto, io vivo per lui, e come prima non potevo stare un secondo senza di lui, così ora non posso stare lontana dalla nostra casa, dalle sue cose, dallo spazzolino ancora lì nel bicchiere, dalle scarpe in ordine dov'erano prima.
Ed è proprio questo amore così grande, questo essere così in simbiosi che mi tiene ancora qui, per tutti i ricordi, per tutti quei momenti che voglio ricordare per sempre.
Godetevi ogni istante e fatelo con gioia, a chi vi dice che siete esagerati o che non vi godete la vita, come facevano sempre con me, non date retta, proprio come ho fatto io, che almeno ora, non ho rimpianti.
Scusate la lungaggine e la tristezza. Io a certe cose proprio non pensavo prima, come se fossero tanto lontane e impossibili, ma fortunatamente ho vissuto al massimo ogni istante.
F.

nonsisamai ha detto...

f: non so proprio cosa dire, potrei solo banalizzare un messaggio cosi' sentito e sincero. ti ringrazio infinitamente di aver condiviso con me queste tue sensazioni e ti auguro di poter provare questi sentimenti nuovamente. la vita per fortuna sa stupirci anche in positivo.
un abbraccio.
e.