mercoledì 2 novembre 2011

kissing hands and shaking babies

Baby J ha tre maestre e sembra proprio che sia molto contento di andare all’asilo. Ultimamente, ha anche ricominciato a salutarmi con un bel sorrisone la mattina, invece di piangere, insomma, non potrei essere piu’ soddisfatta della sua collocazione durante le mie ore di lavoro.

C’e’ una cosa che mi colpisce sempre pero’. C’e’ una maestra che lo sbaciucchia, soprattutto prima di mandarlo a casa. A volte sembra proprio delusa di vedermi arrivare. Ho visto anche le altre dargli un bacetto ogni tanto, ma lei lo sbaciucchia proprio come farei io o mia madre o mia sorella, come una persona di famiglia, diciamo. Forse e’ un piccolissimo moto di gelosia materna, non lo escludo affatto, ma a me sembra un po’ strano, non strano brutto voglio dire, ma strano. Quando io lavoravo con i bambini di tre anni, avevo quasi paura di toccarli, ma io non ero una grande maestra, ero li’ un po’ per caso. Non capivo bene la lingua e mi frenavo molto, imitavo Ms. Guorton, l’anziana maestra inglese, per non sbagliare. E poi i bambini avevano sempre questa mania di strofinarti il naso sporco addosso, e io sono un po’ schizzinosa, anzi diciamo che lo ero a questo punto.

Dai tre ai cinque anni, sono andata in un asilo delle suore e non mi ricordo sbaciucchiamenti, anzi nei miei ricordi la maestra (Tina, che adoravo) e’ addirittura seduta alla cattedra non fra noi.

Ecco, io non so come si usa in Italia.

A proposito, come si usa in Italia?

Pero’ sapete che c’e’? A me questa cosa piace. Vedo l’affetto, lo sento. Mi piace quando le sento esclamare I love Baby j! come se le uscisse direttamente dal cuore. Sono contenta che Slipino abbia la sua razione di coccole mentre non ci sono, ne ha bisogno alla sua eta’. Ne parlavo con Cassandra Johnson per avere anche il suo punto di vista di madre e di indigena e mi diceva che le sembra normalissimo. Di piu’. Mi spiegava che nella cultura americana e’ cosi’ accettato che si bacino i bambini che lo fanno perfino i politici. C’e’ anche una frase fatta per i viaggi presidenziali, kissing babies and shaking hands. Mi fa impressione pensare che da adulti, invece, non sia ammesso stare a meno di un metro di distanza e che abbiano trovato il modo per abbracciarsi senza praticamente toccarsi. In Italia, al contrario, ci si abbraccia tranquillamente fra adulti, ma i bambini mi sa che li bacia piu’ che altro il papa, o no?

Ad ogni modo, veniamo alle notizie che contano. Recentemente Slipino ha imparato a baciare a sua volta. Lo fa soprattutto con me, forse perche’ la faccia del padre e’ troppo ruvida. Succede cosi’. Ogni tanto mi mette le mani al collo, spalanca la bocca e rimane un paio di secondi cosi’, magari emette anche una sillaba, una vocale, qualcosa. Si, il suo bacio attualmente e’ una grossa sbausciata, ma altro che schizzinosita’, e’ il momento piu’ bello della giornata.

7 commenti:

destinazioneestero ha detto...

Anch'io quando facevo la baby sitter evitavo di baciare i bimbi che tenevo, non so, mi sembrava di essere troppo invadente, pensavo che ai genitori non potesse piacere, insomma, tenevo le distanze...

Marica ha detto...

io non riesco a baciare i bambini degli altri.. cioe' vorrei pure, ma mi sembra una invasione della privacy, non so come dire, non mi sembra una cosa "per bene"...
e mi sono sempre chiesta se sia concesso o meno baciare i bambini altrui... quindi si?

nonsisamai ha detto...

marica: non so, io non lo faccio, sia perche' non mi viene sia perche' non so cosa ne pensa il bambino. mi ricordo che da piccola mi dava un fastidio essere sbaciucchiata. io direi dipende. anche se non so da cosa di preciso :)

Ali ha detto...

Io limito persino il contatto fisico (a meno che non siano cuccioli di famiglia), adesso infatti non amo che gli altri tocchino il mio piccolo, però sto zitta perchè capisco di essere esagerata. Sono troppo "animala".

nonsisamai ha detto...

ali: anch'io!!

alinipe ha detto...

Ops!
In quanto maestra di nani ammericani di prima 2, poi 3 e ora 4 anni mi sento chiamata in causa!
Orbene, le mie colleghe in realtà non sono particolarmente fisiche nè con i nani nè con gli adulti... anzi. Ma io quelli della mia classe capita che li sbaciucchio, li strapazzo, li rivolto come calzini e gli faccio pure il solletico o i massaggi ai piedi e alla schiena. Mica tutti, vè, quelli che so che gradiscono e che cercano coccole!
Per evitare fraintendimenti con i genitori (pedofobia portmi via) faccio più o meno lo stesso con loro (cioè abbraccio e bacio sulla guancia) e gioco il jolly de: "In italia si usa così, sò esotica" come lasciapassare.
So far so good :)
Dici bene, credo, dipende. Da carattere e modalità relazionali, immagino.
Suppongo anche che i nani stessi lo "sentano": me ne ritrovo sempre 2 o 3 addosso e finisco per essere un l'eterna consolatrice dei piangenti con bave di muco sui vestiti... mentre le mie colleghe hanno sempre le braccia libere e le camicie con la piega ;)

nonsisamai ha detto...

ecco alice, te lo dico, per me le maestre come te sono degli angeli. non so come facciate, e lo dico con cognizione di causa visto che l'ho fatto anch'io quel lavoro. sono felice che baby j ne abbia incontrata almeno una. oggi, quando sono andata a prenderlo, la maestra gli ha detto 'dai perche' non rimani ancora un po'?' e lui si e' buttato a pesce e le ha dato un bacione sulla guancia. qualunque cosa faccia con lui, funziona. i bambini non mentono.