lunedì 11 aprile 2011

come si diventa repubblicani

E cosi’ gradualmente aumentano le ore di sonno e con esse i sogni e anche gli incubi. La cosa piu’ strana e’ che io e Mr. Johnson da mesi facciamo gli stessi sogni e piu’ o meno gli stessi incubi. I sogni sono del tipo lo sai che ho sognato che Baby J era capace di prendere il ciuccio e metterselo in bocca da solo?! Anch’io! Cosa ti combina l’inconscio del genitore. E gli incubi invece seguono due principali filoni narrativi: la fantascienza e il neorealismo.

Per quanto riguarda il neorealismo, ho appena fatto il sogno piu’ angosciante della mia vita o almeno degli ultimi anni con relativo risveglio in lacrime e giornata, almeno fino a questo momento, rovinata.

La cosa peggiore? E’ cosi’ che si diventa repubblicani. O almeno questo e’ quello che sostiene Mr. Johnson. Hai una casa, dei figli e cominci a diventare paranoico, ad avere paura di tutto e tutti. Il passo successivo, secondo questa teoria, non poi cosi’ strampalata, sarebbe comprare I libri di Glenn Beck o votare La Russa.

Poveri noi.

11 commenti:

nat ha detto...

Smettete subito di dormire!

cowdog ha detto...

io la russa non l'ho ancora votato ;)
pero' e' vero che si cambia prospettiva e si diventa piu' paranoici di prima (e sembra di sentire parlare i propri genitori)

isadorablumenthal ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nonsisamai ha detto...

nat: oddio si.

cowdog: oddio si

A. ha detto...

Hahaha, carina come teoria!
Ma non sarà mica vera?


Eh?

tizi ha detto...

Noooooooooooo,la Russa noooooooooooooo!

MarKino ha detto...

ma io lo so che voi ce la potete fare, che eviterete che la specie dei Texas Democrats (Texiae Populares) si estingua ... :D

A. ha detto...

Non centra nulla con il post, ma c'è una sorpresa per te sul mio blog.

http://alidep.blogspot.com/2011/04/versatile-blogger-award.html

Baol ha detto...

Comunque qui da noi tira una gran brutta aria...

nonsisamai ha detto...

a: ma grazie!! :)

baol: pofonda tristezza (e imbarazzo)

Baol ha detto...

Stessi sentimenti tuo con, in più, un sacco di rabbia