domenica 8 giugno 2008

booked up, archer city

Qualche mese fa, grazie alla mia insostituibile amica Eli, sono stata in un luogo che mi ha molto colpito. Si tratta della piu' grande libreria di libri usati di tutti gli Stati Uniti. Si chiama Booked Up e si trova a due ore e mezza di strada da qui, ad Archer City, un paesino come ce ne sono tanti qui in Texas letteralmente in mezzo al nulla.
Questa libreria e' speciale per varie ragioni. La piu' importante e' che e' stata voluta dallo scrittore (premio Pulitzer) e sceneggiatore (premio Oscar) Larry McMutry, che ha realizzato cosi' il sogno di portare finalmente la cultura nelle sua sperduta citta' natale. La cittadina con l'albero degli impiccati in bella mostra e la libreria in se' sono un luogo surreale. Quest'ultima e' divisa in ben quattro edifici staccati e, tranne uno, incustoditi. Ci sono milioni di libri ovunque, anche libri molto costosi e rari, ma nessuno sembra aver mai cercato di rovinarli o rubarli. E' tutto silenzioso in modo innaturale, sia la cittadina che le librerie, come dicevo, e' un luogo particolare, unico. Ecco, in questo luogo ho fatto tre incontri. I primi due con "Le citta' invisibili" di Calvino e "Il mestiere di vivere" di Pavese mi hanno affascinato perche' non e' per niente facile trovare libri scritti in italiano da queste parti. Quel giorno guardavo e riguardavo e annusavo quei vecchi libri e mi sentivo fortunata come qualcuno che ha trovato dei soldi dimenticati in un vecchio cappotto. Ero contenta e sentivo con il mio solito spirito naif che quei due libri non erano capitati sulla mia strada per caso, sentivo che erano arrivati fino a me per dirmi qualcosa di importante. E infatti cosi' e' stato, per entrambi. Il terzo, l'avevo invece messo da parte senza dargli molta importanza. Si tratta di un libro che ho gia' letto diverse volte in passato, Henry & June di di Anais Nin. C'e' stato un tempo in cui quel libro ha significato molto per me, probabilmente perche' mi e' capitato di leggerlo nel momento perfetto, credo. Il tempismo e' tutto in questi casi. Poi, l'ho perso o non so cosa sia successo, ma non ci ho piu' pensato in tutti questi anni. E' successo pero' che ad Archer City, nella zona piu' remota dell'ultima delle quattro librerie, quando oramai ero stanca morta, ho trovato un'intero scaffale con tutte le opere di Anais Nin, fra cui molte edizioni di questo libro in inglese e cosi' ho deciso portarne a casa una, senza troppa convinzione, con l'intenzione di rileggerlo prima o poi.
Stasera il caro Stone, mi ha dato una buona scusa per riaprirlo ed e' curioso quello che mi e' subito balzato agli occhi. Cioe' e' curioso ancora una volta il tempismo. Forse farei bene a rileggermi anche questo.

“Ieri sera ho pianto. Ho pianto perché il processo grazie al quale sono divenuta donna è stato doloroso. Ho pianto perché non sono più una bambina, con la fede cieca di una bambina. Ho pianto perché i miei occhi sono aperti sulla realtà: sull’egoismo di Henry, sulla smania di potere di June, sulla mia creatività insaziabile che deve sempre occuparsi degli altri e non sa bastare a se stessa. Ho pianto perché non posso più credere e io amo credere. Posso anche amare senza credere. Questo significa che amo umanamente. Ho pianto perché ho perso il mio dolore e non sono ancora abituata alla sua assenza. Ho pianto perché d’ora in avanti piangerò meno."

23 commenti:

simple ha detto...

I libri ci cercano, e arrivano a noi con un tempismo perfetto (noi dobbiamo solo essere in grado di capirlo)
:-)
Buona domenica

Signor Ponza ha detto...

Questi luoghi che descrivi sono davvero molto affascinanti, non vedo l'ora di toccarli con mano (prima o poi). :)

Baol ha detto...

"Le città invisibili"...che libro stupendo...

Alicesu ha detto...

Bellissimo pezzo, quello che hai citato.
Che combinazione: sto leggendo La luna e i falò, di Pavese, mio amore d'infanzia...
E lo ritrovo sempre attuale, desolante, nostalgico, non molto vagamente depresso...

nonsisamai ha detto...

alicesu: direi "molto vagamente depresso", in questo periodo e' meglio che me ne tenga alla larga...

isadorablumenthal ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nonsisamai ha detto...

alicesu: che poi fra l'altro tutto questo avrebbe dovuto essere il meme che tu hai passato a stone e lui a me e...mi sono andata un attimino persa come sempre...

Giuy ha detto...

avessi del tempo per leggere gli ultimi libri che ho comprato. ma al massimo trovo del tempo per apire il libro del corso di tedesco. Una goduria, insomma! :'(

Magnolia Wedding Planner ha detto...

deve essere meraviglioso entrare in un posto così pieno di libri da potersi anche perdere..io leggo moltissimo quando sono un po' più libera da impegni..ora sono alle prese con "L'ombra del faro"di Chamberlain..bello devo dire
:-D grazie per la visita
bacione
Silvia

stone ha detto...

bellissimo brano dolce Nonsisamai. bellissimo.

nonsisamai ha detto...

stone: allora va bene lo stesso? ;)

stone ha detto...

sìsì. ovvio. anzi. pure meglio ;)

manukag ha detto...

Che posto meraviglioso... Anch'io voglio andarci... Quattro edifici pieni di libri... potrei pensare di essere finita in paradiso e non uscirne piu'...

P.S. A me non è mai piaciuto Pavese...saro' scomunicata da questo blog?

Verde ha detto...

nn avevo idea dell'esistenza di questa libreria,e sono rimasta incantata dal tuo racconto..cercavo di immaginarla..dev'essere meraviglio essere lì per vederla...

nonsisamai ha detto...

l'unico freno per il quale ho comprato solo tre libri e' che e' davvero cara e spesso i libri sono in cattive condizioni. e' che non essendoci mai nessuno devono compensare con il prezzo per poter pagare almeno le spese credo.

manukag: figurati! :)

alice ha detto...

Una libreria non è altro che un buco nero distinto e istruito (Terry Pratchett). Ma quella dove sei stata te deve essere una sorta gigantesca di piega spazio temporale... mi ci porti?
Alice spaziatrice

nonsisamai ha detto...

alice: in effetti anch'io ho avuto il sospetto che quel posto non esistesse...

MarKino ha detto...

posti del genere in italia non potrebbero esistere a lungo in italia, temo.....

@alice: lo spazio B! il bibliotecario!!! adoro Pratchett!!!

Emigrante ha detto...

Mi piacerebbe davvero vederla questa libreria. Forse mi farebbe cambiare idea sul Texas.
Forse...

nonsisamai ha detto...

emigrante: come "cambiare idea"?!
il texas e' magnifico
:)

alessio ha detto...

e un salto lo faccio... si parla di libri, meraviglia (c'è una speranza anche per l'italia... ;)).

Neanche a me è piaciuto molto pavese nè Le città invisibili... (con qualche eccezione) sto rischiando, eh eh.

Insomma c'è un texas im-mediato da scoprire... e questo fa bene al comparto del pregiudizio che cova in me (provinciale del sud del ciociaria :D).

Bel blog e post oltre-diaristici...

alessio

nonsisamai ha detto...

alessio: caspita ma nessuno dei due??
ma come mai? :)
vebbe' ti do il benvenuto!

the Sleeping Ugly ha detto...

il pezzo che hai postato è meraviglioso, e nonostante io sia un po' ritrosa di fronte alla fatalità per i libri di solito faccio un'eccezione: non capitano a caso. più di una volta mi hanno risposto, più di una volta erano proprio quello di cui avevo bisogno. e poi che gioia trovare un bel libro in un mare intero!

io ora sto lentamente leggendo "american pastoral" di philip roth, dono di quella londinese dell'anna. mazza com'è difficile il lingua originale, ho sempre l'impressione di non capire assolutamente il punto! ToT