lunedì 21 gennaio 2013

more on the happy crazy side

Mi sono spesso trovata a pensare a lei come a una sorella minore irresponsabile, anche se oramai e’ grande e comunque la mia vera sorella minore e’ sempre stata ben piu’ matura anche di me. Chissa’ forse era un mio modo per giustificarla. Lei e tutti quei pazzi dei suoi amici che la portano sulla cattiva strada.

Dice sempre che io sono l’unica amica sana di mente che abbia e non scherza. Una volta lo disse davanti a Mr. Johnson che giustamente scoppio’ a ridere, ma lei glielo spiego’ cosi’:

- You know, she can be a little crazy, but she’s more on the happy crazy side than on the crazy crazy… 

Onestamente, uno dei piu’ bei complimenti che abbia mai ricevuto.

Pero’ e’ vero che e’ circondata da persone altamente instabili. I suoi genitori hanno seri problemi, gli amici, perfino il marito e lei poi chiaramente che fa la brillante con tutti e poi crolla con me. Gioca sempre su un’altalena emotiva tale che da’ le vertigini anche a me che mi limito a guardarla andare continuamente su e giu’.

E lei fino a un po’ di tempo fa, faceva davvero del suo meglio per stare a galla, badare alla sua famiglia e anche per aiutare sempre gli altri per quanto potesse, me su tutti. Non ho mai conosciuto una persona piu’ generosa.

Poi non so che cosa sia successo. Si e’ persa, non saprei in che altro modo spiegarlo. Anzi dovrei dire che si e’ persa un’altra volta. Sta facendo una serie di scelte senza senso e, dopo una confessione che mi ha fatto un po’ di tempo fa, non riesco piu’ a guardarla come prima. E’ qualcosa che non ha nulla a che vedere con me, ma che in qualche modo mi ha sconvolto. Oramai mi parla di problemi che sono ben piu’ grandi di me e di lei, talmente tanti e seri e potenzialmente tragici che se fossi al posto suo, anche a pensare di affrontarli non saprei da che parte cominciare. Ma cosa le posso dire io?

L’immagine che ho della sua vita in questo momento e’ quella di mille catenine aggrovigliate che non si liberano senza rompersi quasi tutte.

Fra noi non ci sono problemi personali di nessun tipo, stiamo sempre benissnimo insieme e nonostante tutto ci divertiamo. Certo, so che spesso mi mente per salvare un po’ le apparenze, ma non e’ questo tipo di bugia che mi offende. Il problema vero che ho con lei e’ un sospetto, un sospetto atroce che mi sta divorando l’anima. Dovrei parlare, lo so, pero’ non ho prove, solo tanti piccoli indizi che mi portano a pensare che forse lei presa com’e’ dai suoi orari sballati e dal suo egocentrismo non si stia accorgendo di qualcosa di molto grave.

Se penso a lei e a questa cosa soffro molto. Ho paura di essere sul punto di perdere la mia migliore amica o forse ho paura perche’ in fondo so benissimo di averla gia’ persa nel momento in cui sono venuta a conoscenza di determinate cose e non so come potro’ affrontare la vita senza una persona cosi’ divertente e dolce e pazza vicino, perche’ lei invece e’ senza dubbio la persona piu’ pazza che abbia mai conosciuto. Forse e’ cambiata, cambia sempre lei, rinasce di solito, ma prima deve toccare il fondo e farlo toccare a tutti quelli che le stanno intorno, succede ogni volta cosi’.

Mi ci sono rotta la testa a furia di pensarci, ma la verita’ e’ che saro’ li’ fisicamente se avra’ bisogno di me, ma e’ impossibile salvare qualcuno che non vuole essere salvato, che continua con perseveranza a smontare e calpestare ogni cosa bella che ha nella vita.

Mi sento un po’ come quando lasci qualcuno e soffri anche tu perche’ ti rendi conto di non voler piu’ stare con quella persona, ma sai anche che non la sostituirai mai e gia’ ti manca quello che avevi prima ancora di averlo perso.  

3 commenti:

70millimetri ha detto...

Leggendo questo post ho avuto uno spiacevole deja vu.
Una cosa l'ho capita,non si può salvare qualcuno a meno che non sia lui a chiedercelo. Questo non significa che la tua amicizia con lei sia finita o stia finendo, finisce solo se tu decidi (o lei) di chiuderla. Più che altro dovresti chiederti perché non riesce a guardala come prima? Disagio? Disapprovazione? O altro?

nonsisamai ha detto...

disagio causato da profonda disapprovazione. il peggio.

70millimetri ha detto...

Eh si E. , sei tu che stai mettendo in forse la vostra amicizia. Valuta la tua vita senza di lei e vedi se il rimpianto sarebbe più sopportabile del disagio; se rimani in conflitto con te stessa rimane un ultima cosa da fare la sincerità cioè esprimigli quello che hai dentro con i dovuti modi. In ogni caso prenditi i tuoi tempi :)