martedì 3 luglio 2012

la nostalgia del presente

Appena arrivata ho avuto giusto un attimo di crisi. Il viaggio era andato come sapete, il bimbo non dormiva, ero stanchissima e non riuscivo piua capire come muovermi qui, mi sentivo fuori posto.
Poi, quello che ho fatto è stato semplicemente guardarmi intorno e respirare. Cosio capito subito che in realtà, questi giorni sono tutto quello di cui avevo bisogno e sono esattamente come li avevo immaginati.
E’ tutto cosi’ semplice e quotidiano. Senza impazzire, riesco a dedicare un po’ di attenzione a tutti e anche a me stessa come non succedeva da tanto, troppo tempo.
Il piccolo Joe oltre a me, ha cominciato quasi subito a chiamare la zia, la nonna e la bisnonna mamma, è viziatissimo contentissimo, pieno di amore e attenzione. Mi emoziono da morire sentendo le sue prime paroline nella mia lingua, ma sto imparando anche a lasciargli un po’ di spazio. Mi sento tranquilla, delego, esco per conto mio, mi sembra quasi di essere un po’ tornata indietro nel tempo. Tante serate a tirar tardi, tante confidenze, ore a parlare del passato e del futuro con chi in fondo, che mi trovi qui o li’, nella mia vita c’è sempre. Ho ancora un paio di settimane da passare a casa, ma sento già una grande nostalgia per questi giorni.   

8 commenti:

ero Lucy ha detto...

Oh che bello questo post. Goditela tutta.

b & k ha detto...

Sono molto contenta per te!E' bello poter delegare: in questo caso siete felici da entrambe le parti, tu che hai tempo per te e gli altri che si coccolano il bimbo! :)

dolcedisale ha detto...

è bello rendersi conto dei momenti che corrono già mentre li si sta vivendo...anche se certo un pò di tristezza già si sente...

Elisen ha detto...

come ti capisco...

mariantonietta ha detto...

la nostalgia del presente è la saudade. è una sensazione bellissima.

Anonimo ha detto...

:)

e non dimentiachiamo che anche per il tuo bimbo tutto questo e' bellissimo! :)))

Buon proseguimento!

[Bulut]

Anonimo ha detto...

idem
valescrive

Francesca ha detto...

Non vedo l'ora di tornare anch'io! Che bella espressione: "la nostalgia del presente".