martedì 27 dicembre 2011

il dramma di natale

Quando diventi genitore capisci subito una cosa, che non importa quanto tu possa sforzarti per impedirlo, prima o poi anche tuo figlio si fara’ male, come tutti. E’ una sensazione per niente piacevole devo dire, che ti disturba anche durante il sonno, cosi’ fai tutto quello che puoi per allontanare quel momento inevitabile. Sai che basta pochissimo, soprattutto quando comincia a  muoversi con una certa agilita’. Allora cerchi di controllare il pavimento il piu’ spesso possibile, metti via tutto quello che potrebbe tirarsi addosso o ingoiare, ti complichi la vita riempiendo ogni presa della corrente e ogni mobile e porta di blocchi e sicure, ma un brutto giorno, quello di cui tanto ti eri preoccupato succede. E sapete qual e’ la cosa buffa? Che non importa quanto fervida sia stata la tua immaginazione nel cercare di prevenire il danno, il pericolo arriva sempre da tutt’altra parte.

La mattina di Natale, tutto era tranquillo e allegro come doveva essere. Cassandra preparava la colazione, i bracchetti dormivano nelle loro cucce e Baby J giocava felice con i suoi giocattoli nuovi, quando e’ successo l’inimmaginabile. Ero proprio li’ accanto a lui, ma e’ stato un secondo. Un ringhio e un pianto fortissimo. Uno dei miei due adorati cani, Mr. Boomer, alias one in a million, il cane perfetto, il caneamore e via dicendo, ha morso il mio bambino.

Non vi so dire cosa ho provato in quel momento. Sono stata travolta da una rabbia che non sapevo nemmeno di poter provare. Non sono riuscita letteralmente a guardarlo per ore. Mi sono sentita tradita dal mio migliore amico. Ora a mente fredda, riesco a essere un po’ piu’ razionale. Quando si dice non disturbare il can che dorme. Bubu dormiva, il bimbo gli e’ piombato addosso e lui istintivamente si e’ difeso, senza nemmeno capire chi lo disturbasse, suppongo. Qualche sera fa era successo un episodio simile, ma c’era stato solo un piccolo ringhio ‘didattico’ per cosi’ dire, questa volta invece sulla guancia di Baby J c’era un bel graffio e anche un po’ di rosso. Oggi e’ gia’ quasi guarito e nemmeno si ricorda cosa e’ successo, ma e’ inutile dire che per noi invece e’ stato un trauma. Di sicuro ho pianto piu’ io di lui. Molto di piu’. Anzi a dire il vero, non riuscivo piu’ a smettere. Tra il senso di colpa e la delusione. Cassandra gentilmente si e’ offerta di tenerci Mr. Bubu per un po’ di tempo per darci la possibilita’ di pensare con calma al da farsi e noi abbiamo accettato. Ci siamo informati un attimo, e da tutto quello che abbiamo letto risulta che, se un cane ha attaccato una volta, non importa il motivo, puo’ farlo di nuovo. In realta’, come dicevo, anche una cane che non ha mai attaccato come il mio in teoria, sotto determinate circostanze, potrebbe farlo.   

Stamattina, quando ci siamo svegliati, pero’ non siamo riusciti a lasciarlo. Ci guardava con questa sua solita faccia tristissima da beagle e quell’aria colpevole senza capire nemmeno per cosa e non siamo riusciti a voltargli le spalle.

DSC00619 

Deve essere vero quello che si dice, le solite cose banalissime, che sono sempre animali e che sono imprevedibili. C’e’ poco da girarci intorno, la colpa e’ stata nostra. Ci siamo fidati troppo. Pensavamo di avere i cani perfetti da far crescere con un bambino e invece, per il bene di tutti, non bisogna mai abbassare la guardia. In fondo, pero’ non e’ cambiato nulla. Dovremmo solo stare molto piu’ attenti, tenere bimbo e bracchetti piu’ a distanza, magari comprare uno di quei cancelletti che vendono.

Insomma, mille volte mi e’ stato chiesto come faccio con un bambino e due cani e, lo ammetto tranquillamente, non e’ sempre semplicissimo. Pero’ quelli che al primo problema si liberano del cane non li capisco. La verita’ e’ che anche loro fanno parte della famiglia.   

20 commenti:

pitito ha detto...

Sembra che dica "...ma io non ho faaattooo nieeente!" :D

Silvia ha detto...

Mi dispiace sentire questa storia! Anch'io ho cresciuto i miei due piccoli con un cane, e forse solo per fortuna non ho mai avuto problemi. forse come hai detto tu il cane è stato preso di sorpresa e magari più per spavento che per altro si è difeso. Faccio fatica a credere che potrebbe attaccare di nuovo, se è così tranquillo come dici.Secondo me hai fatto bene a non mandarlo dalla "Nonna" avrebbe aggravato la situazione. Purtroppo come hai detto tu passiamo la vita a prevenire i pericoli ma ce ne sarà sempre uno che non abbiamo previsto. Non sentirti in colpa. un abbraccio

SELENA ha detto...

stessa situazione, ma con un cane e bimbo di 19 mesi che ormai corre libero e felice e prende il cane e se lo rigira come vuole, e il povero cane ha una pazienza tale, ma ogni tanto le girano pure a lei. e che fare? spiegare al bimbo che non si tocca (come tantissime altre cose!), prendere il cane e tranquilizzarlo, e assolutamente dividerli quando il bimbo é troppo energico e vuole coccolare il cane, mentre il cane vuole starsene per conto suo. che dirti, anche la mia cagnetta, 6 anni, buona come il pane, ha i suoi limiti, e la colpa non é di nessuno. noi genitori solo dobbiamo capire il momento in cui é troppo per tutti e bisogna dividerli. ma abbandonare il cane perché ha morso? ti diró, mio figlio mi ha morso e non lo abbandono! nel senso che il cane é parte della famiglia, é come avere due bambini, da educare e dividere quando serve. non colpevolizzare il tuo cagnolino, é la natura, anche a me se vengo svegliata di colpo non piace ;)

MarKino ha detto...

ovviamente lo spavento posso solo immaginarlo, non so cosa si prova a sentire che tuo figlio è in pericolo.
però, senza pretesa di esser critico o chissà che, molti problemi con gli animali domestici avvengono quando li si umanizza troppo e ci si dimentica che sono animali ... il che fa del male prima a loro (gli si impongono delle richieste che per loro non son naturali) e poi di riflesso, come hai potuto notare in prima persona, anche a chi gli sta vicino ...peraltro, da come lo descrivi (poi magari la ituazione è diversa), il "morso" di Mr. Boomer sembra essere l'equivalente canino di un buffetto - qualcosa di più severo di un ringhio, ma meno aggressivo di un attacco vero - qualcosa che non farebbe nulla ad un altro cane, ma lui poverino non sa che un bambino di un anno è delicato ...

Simo ha detto...

Sono d'accordo con MarKino. Sono cresciuta con i numerosi cani da caccia di mio nonno. Sono certa che il tuo Bubu non voleva fare del male al tuo bambino! È stato un gesto istintivo, probabilmente dovuto al fatto di essere stato colto alla sprovvista, e ha aperto le "fauci" per autodifesa senza capire nemmeno cosa stava facendo. Secondo me semplicemente il tuo bimbo è ancora troppo piccolo e fino a quando non imparerà a rispettare le esigenze dei vostri cani (ancora un paio di annetti), sarà opportuno stare sempre in guardia e mantenere le dovute distanze. Ma il cane non ha colpa, perdonalo, sono certa che diventerà un grande compagno di vita per il vostro bimbo!

Ali ha detto...

Non ti nascondo che anche io ho un po' paura di come la prenderà la nostra primogenita pelosa, quando Titto inizierà a gironzolare per casa... lei è un'amore, ma non vorrei che in un attacco di gelosia facesse l'impensabile.
Il vostro bracchetto ha solo reagito senza l'intenzione di fargli del male, tant'è che gli ha lasciato solo dei graffi. Sappiamo bene che il morso di un cane non si ferma li! Probabilmente si è accorto e si è fermato. La responsabilità è nostra per la serena convivenza di questi esserini! Non dobbiamo avere 4 occhi, ma 16!! :)

Anonimo ha detto...

Mi dispiace che ti sia successo questo! Purtroppo bisogna stare molto attenti quando ci sono cani e bambini insieme! L'anno scorso alla bambina della mia amica, cresciuta assieme al cane di famiglia (setter inglese), è successa una cosa purtroppo molto più grave.
Lei 3 anni, il cane più di 13 giocavano come sempre, ad un certo punto lui si spazientisce per i vari dispetti della piccola e le morde la guancia portandogliene via un pezzetto....una disperazione!
Sicuramente i tuoi cani saranno senz'altro più buoni, ma come dice markino, sono sempre cani...
Mia nonna ha cresciuto tre figli e ha sempre avuto cani, ma li ha sempre rigorosamente tenuti fuori casa.
Buon Natale!!
Francesca

b & k ha detto...

Mi dispiace tanto per il tuo bimbo. Dev'essere terribile! Pero' sono anche contenta che non abbiate deciso di sbarazzarvi del cane: come dici tu fanno parte della famiglia.

nonsisamai ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nonsisamai ha detto...

a me sembra che comunque, non ci sia tanto da discutere sull'intenzionalita' del gesto (che ad ogni modo sono convinta non ci fosse) perche' alla fine l'unica cosa che importa e' il danno. che un cane morda per 'legittima' paura o per aggressivita' congenita, piccolo o grande che sia, puo' essere molto pericoloso per un bambino.

MarKino ha detto...

@nonsi: appunto. non esistono cani che non mordono, perché fa parte del loro modo di comunicare. quello di cui non si rendono conto (e non se ne rendono conto perché sono cani e non esseri umani) che quello che per loro è un "mi hai scocciato, adesso basta" oppure addirittura un "giochiamo, dai" (TUTTI i cani che io abbia mai conosciuto, quando volevano giocare, fra le altre cose mi mordicchiavano una mano, un piede ... proprio perché tra cani si fa così), per un bambino come baby j. può esser pericoloso. se volete che vivano assieme a voi, siete tu e mr. j. (che siete gli esemplari alfa del branco, dal lor punto di vista) a dovergli far capire che baby j. è loro interdetto.

nonsisamai ha detto...

gia', fosse facile...e' un bel casino.

MarKino ha detto...

su,su ... come ha detto Simo, ce la farete e baby J. ricorderà con molto affetto i suei due bracchetti .... :)

SELENA ha detto...

della stessa ipinione, al bimbo ogni volta che si avvicina al cane spiego che é un cane, non un giocattolo, o una persona. che non lo si deve disturbare quando mangia -e il bimbo va ad accarezzargli le zampe mentre il cane mangia!- che quando dorme non lo deve toccare. il cane é appunto cane, quando le ordino di andare al suo posto lo fa, ma un bimbo deve capirlo ogni giorno, per piccolo che sia. anche la mia, ovviamente, ha avuto degli scatti contro di lui: li ho sgridati entrambi. l'importante é controllarli, e sapere i limiti sia di uno che l'altro. comunque anch'io son cresciuta con i cani, anzi, condividevo il biberon con il mio cagnetto!

patalice ha detto...

antefatto: non sono una strenua animalista incallita, ma neppure una di quelle che quando vedono un pupo si sciolgono.
ciò detto ho una cagnolina, disgraziata venuta dopo la dolorosissima morte del suo diciassettenne predecessore, che era buono come il pane e quieto come il mare senza la storia della tempesta.
ciò specificato, e per non divenire troppo prolissa direi che, anche se tutti sostengono che se una cosa la si fa una volta la seconda seguirà a ruota, io penso voi siate stati coscienziosi al punto giusto.
attenzione ce ne vuole anche perché se questi due c'erano pre pargolo un briciolo di gelosia è da manuale... ma drammi no please...
speriamo il piccolino abbia capito l'antifona del sonno riparatore...
buone feste...

AriErr ha detto...

credo che il rapporto tra uomo e cane non lo si capisca fino a quando non si ha un cane o forse fino a che non lo si umanizza...ricordi il nostro Charlie? Forse troppo umanizzato ma di certo un vero componente della famiglia, anche lui qualche volta ha sbagliato(in realtà si è lasciato andare alla sua natura...)ma nessuno lo ha mai abbandonato. Sono contenta abbiate portato bubu con voi, dovete stare attenti questo si, spiegare ad entrambi come rispettarsi ma per il resto non puoi mettere slipino in una campana di vetro...stai tranquilla il cane certo può mordere per sua natura, ma non è detto che lo faccia, non è detto che faccia molte cose che la sua natura dovrebbe prevedere e tu ne hai avuto la prova per 19 anni...un abbraccio

Anonimo ha detto...

Se il mio cane facesse mai del male a un altro cane, a un bambino o a un adulto io mi interrogherei su cosa IO, padrona di cane, ho sbagliato. Perchè le colpe sono le nostre. Siamo noi che dovremmo essere in grado di essere i capo branco, di far capire ai nostri cani che sono al sicuro e che non hanno bisogno di difendersi a niente. Ora in questo caso ovviamente il tuo cane ha reagito d'istinto se stava dormendo e probabilmente lui stesso SA di aver commesso un "errore". Quindi isolarlo dal resto del branco per un pò, che sia un ora o due e più che sufficente, può essere un modo per fargli capire che ha sbagliato. La punizione peggiore per un cane e l'esclusione dal branco. Io ti suggerisco di essere TU più presente, o chiunque rappresenti per loro il capo branco, piuttosto che isolarli e dividerli dal bambino. Il mio cane non è abituato ai bambini, viviamo soli io e lui, ma quano vengono i miei nipoti, io sto attenta e lo rassicuro, gli sto vicino, in modo che lui si senta sicuro e sappia che non succederà niente di male. Non è mai successo niente e io sono SICURA che non accadrà e se accadrà non mi arrabbierò con il cane ma con me stessa per non essere stata un bravo capo branco. Altra cosa che faccio SEMPRE coi miei nipoi e i bambini fuori, è cercare di educarli a come ci si comporta con un cane, a non infastidirli quando dormono o sono in cuccia, a non mettere le mani nel loro cibo, a non sorprenderli toccandoli o facendo gesti improvvisi specialmente quando sono girati .. avere un veterinario etologo mi ha aiutata a capire che .. cani di nasce, padroni si diventa (cit., è un libro che mi ha fatto leggere :P). Mia sorella ha due cani, di cui una di grossa taglia e due bambini, mia nipote addirittura lecca i cani (questo per dirti quanto può rompergli le balle..) il maschio ogni tanto brontola ma non si sono mai sognati di reagire, se non andandosene dalle grinfie della mia nipote tremenda :D , scusate ma sui cani non riesco a tacere FeDe

nonsisamai ha detto...

faro' come konrad lorenz: figlio in gabbia e animali liberi in giro per casa ;)

destinazioneestero ha detto...

Mi spiace per questo brutto episodio. Ho esperienza di cani ma non di bambini con i cani per cui non ti so suggerire nulla. Facci sapere come va...

Lucy van Pelt ha detto...

Non ho figli, ma se ne avessi avrei potuto scrivere io questo post. Hai fatto bene.