giovedì 21 aprile 2011

se sei felice e tu lo sai ciuccia il ciuccio

Facciamo finta che ci interessi quello che succede nel mondo, ma pensiamo solo a una cosa. Da settimane. Prima ha cominciato a guardarsi ossessivamente il pugnetto chiuso. Poi, dopo molto tempo ha cominciato ad aprirlo e dopo molto tempo ancora ad afferrare gli oggetti. Ora siamo a un punto ben preciso: sta per imparare a mettersi in bocca il ciuccio da solo. Non potete capire, ma il ciuccio occupa un posto fondamentale nel mondo di Baby J. E’ come il sole attorno a cui ruota questo suo piccolo mondo fatto giusto di altre tre o quattro cose. E sono settimane che andiamo avanti cosi’. Non si guarda piu’ la televisione, non si riesce piu’ a portare avanti un discorso. Parli e poi con la coda dell’occhio guardi lui e sembra sempra che ce la stia per fare. Ci fermiamo a osservarlo con il fiato sospeso e le lacrime agli occhi e...nulla, ancora, non c’entra mai la bocca. Dal suo punto di vista ha molto piu’ senso impugnare il ciuccio dalla parte da ciucciare che e’ grande proprio quanto la sua manina. Cosi’ la notte ogni tanto lo trovo che ciuccia il ciuccio all’incontrario, ma di metterselo in bocca dalla parte giusta ancora non se ne parla. Ci chiamiamo da una stanza all’altra. Corri corri, mi sa che stavolta ce la fa! E invece niente, ma e’ questione di giorni. Siamo riusciti perfino a sognarcelo insieme: il momento in cui prendera’ il ciuccio e senza esitazioni, senza confondersi, se lo mettera’ in bocca da solo.

E chi lo avrebbe mai immaginato che vedere un bambino crescere fosse cosi’ avvincente.

9 commenti:

Marica ha detto...

ma che meraviglia :-)

SELENA ha detto...

e vedrai quando inizierá a fare il percorso verso l'indipendenza!! giuro, le tappe seduto, in piedi, passetto, son incredibili! adoro guardarlo, anche mentre gli do da mangiare, mentre lui si vede pocoyo...momenti che non torneranno, e quindi da stampare bene in testa ;) quindi buon divertimento

makdaralo ha detto...

:)

Dolcissimi!

Io al momento pero' sogno solo una cosa: che il mio ometto poco piu' che duenne si decida a smettere di volere il ciuccio per addormentarsi...

nonsisamai ha detto...

marica: :)

selena: ecco vedi, io pocoyo non so nemmeno che e', ho ancora un sacco di tappe davanti :)

makdaralo: sto accuratamente evitando di pensare al momento di toglierglielo...sara' dura, ma si' dai adesso va bene cosi' :)

Rabb-it ha detto...

Che dolci!
Piccoli genitori crescono.
;-)

Oh... piccoli per l'età di slipino eh!
Ah piccola nota, pare che si ricominci da 0 ogni volta. Almeno stando a quello che sento e leggo in giro.
Ciao!

cowdog ha detto...

sono belle tutte le tappe della crescita. persino quei traguardi che paiono banalissimi (a chi non ha figli). al momento io e la controparte siamo presissimi dai progressi del tappo, alle prese con due lingue: ogni giorno impara qualcosa oppure se ne esce con una parola imparata all'asilo. immagina il nostro stupore quando di punto in bianco ha cominciato ad elencare i giorni della settimana: ci sembrava di assistere ad un miracolo :D

A. ha detto...

Che belle cose... -.- mi emoziona solo leggerle...

Baol ha detto...

Lo sto riscoprendo con la mia nipotina, è bellissimo

Anonimo ha detto...

Ahhhhh!!! Se avessi saputo prima quanto sarebbe stato difficile toglierglielo quel ciuccio! La mia adesso ha tre anni e il ciuccio non lo ciuccia piu'. Questo solo perche' al ciuccio e' stata tagliata la parte da ciucciare (era talmente piena di buchi e ridotta male che la maestra dell'asilo disperata l'ha tagliata con le forbici) ma lei si ostina a portarselo dappertutto e guai se il ciuccio-non-ciuccio non c'e'! Rischia di non addormentarsi! Lo stringe in mano e si addormenta.

Sara' molto piu' difficile toglierglielo credimi!

Dora in MD