lunedì 8 marzo 2010

oscar 2010

Come oramai consuetudine vi racconto la mia notte degli Oscar. Quest’anno li ho guardati a casa di amici per la prima volta e sicuramente fra una chiacchera e l’altra ho perso un po’ di dettagli, ma c’e’ di buono che non mi pare sia stata un’edizione particolarmente memorabile. Anzi a dire il vero, sono delusa. Di film italiani, come tutti sanno, non ce ne erano e gia’ questo ha tolto un po’ di mordente alla serata. In compenso c’era la Canalis va bene, meglio di niente. Per di piu’ lo spettacolo e’ stato un po’ noioso e disorganizzato, soprattutto il finale con Tom Hanks che non e’ nemmeno riuscito ad annunciare il miglior film come si deve perche’ si era finito il tempo. Non ho visto tutti i film in concorso, ma di quelli che ho visto forse Up e’ l’unico che mi abbia davvero entusiasmato. Mi e’ sembrata un’edizione sottotono. Ma veniamo al punto. Io volevo che vincesse Gabourey Sidibe anche se il film, Precious, ancora non l’ho visto. [Finora mi e’ mancato il coraggio di guardarlo perche’ si preannuncia tristissimo. Certo, che’ sara’ mai dopo Marley and me]. Ad ogni modo, io volevo che vincesse lei, la protagonista, per principio. E’ una contraddizione? Non credo. In fondo perche’ si guardano gli Oscar? Per sognare. E allora cosa c’e’ di piu’ bello nell’America di Obama di guardare una ragazza come Gabourey Sidibe, una a cui e’ sempre stato detto che doveva cambiare, vincere e farlo esattamente come e’, senza cambiarsi di una virgola? Sarebbe stato splendido, un grande messaggio al di la’ di tutto. Ma non e’ andata cosi’, un’occasione mancata. Forse i momenti piu’ emozionanti sono stati la vittoria di Christoph Waltz per Inglorious Basterds e di Jeff Bridges per Crazy Heart. Per il resto, The hurt locker e Avatar l’hanno fatta da padrone, ma nonostante ne abbiano parlato per tutta la sera continuo a non avere nessun interesse particolare a andarli a vedere, tutto sommato non un buon segno.

Per fortuna che almeno e’ tornato il rosso.

E dalla vostra corrispondente da Dallas e’ tutto.

Buonanotte.

O buongiorno.

8 commenti:

stone ha detto...

io amo Katryn Bigelow! non vedo l'ora di vedere The hurt locker... poi per me è stata la prima cerimonia degli oscar e devo dire che è davvero divertentissima :D

Elisen ha detto...

Precious è una botta nello stomaco ma ne vale la pena..
Sono contenta per Christoph Waltz. Meritato.

Salvietta ha detto...

Guarda, fra tutte le pellicole candidate, io ho apprezzato tantissimo An Education, sicuramente meritava piú attenzione...Per il resto, si sa, sono gli effetti speciali che colpiscono:-)

nonsisamai ha detto...

stone: la prima volta e' indimenticabile, in effetti :) ma la conduzione? dovevi vedere jon stewart o ellen degeneres, molto meglio!

precious: ma tu l'hai guardato in inglese o in tedesco?

salvietta: non vedo l'ora di vederlo! l'ho gia' ordinato, il fatto che l'abbia sceneggiato nick hornby e' una garanzia.

Emanuele Cauda ha detto...

Avatar avra' preso tanti soldi al botteghino ma e' stato un flop agli Oscar: vero ne parlavano di continuo ma non ha vinto nessuna premio importante ma solo quelli tecnici.
Precious..per ora non ho avuto lo stomaco per vederlo.
Up era bello, molto
Up in the Air e' un bel film ma non da Oscar: infatti non ho capito tante nominations......hai ragione edizione sotto tono.

La Canalis a mio parere faceva delle facce orrende da diva mail peggio e' stato George che sul red carpet ha detto di lei:" A ma lei non capisce l'inglese". Bella li' la statuina italiana

nonsisamai ha detto...

concordo su tutto!

la battuta di george me l'ero persa! ma non sapevo che lui parlasse italiano...insomma... hai aperto una questione interessante :))

valeria ha detto...

No vi prego...oltre a fare le facce, non parla manco inglese?! ora mi spiego la serieta' alle battute di Steve Martin!!..a dire la verita' mi sembrava anche molto annoiata. Mha?!...In prima fila agli Oscar con accanto George...almeno sorridi, no?!!

Elisen ha detto...

in inglese..che orrore vedere i film ameriani in tedesco!se proprio dovessi cambiare e non lo faccio mai, cambierei in italiano, mica scema!e poi qui danno tutte le settimane un film in lingua originale e chiaramente 90 su 100 è un film americano..quindi è abbastanza comodo..