venerdì 27 luglio 2007

how to recognize and handle abnormal people

Quando si dice le coincidenze.
Ieri ho trovato a casa questo libricino.
Non potevo credere ai miei occhi.

"Come riconoscere e gestire persone anormali"

E' un manuale per poliziotti dell'Associazione Nazionale per la Salute Mentale stampato a New York nel 1954.
Promette malissimo.
A parte il titolo assurdo, in copertina c'e' una campanella con scritto Fight mental illness, Ring the bell for mental health, qualcosa tipo Combatti la malattia mentale, suona la campana per la salute mentale.
Ero gia' pronta a scandalizzarmi come al mio solito. Poi pero' scorrendolo, certo, non l'ho letto tutto, mi sono accorta che malgrado il linguaggio oggi politicamente scorrettissimo, non e' niente male. Descrive in modo banale ma piuttosto efficace alcuni comportamenti che potrebbero essere spia di malessere mentale e usa anche delle vignette per rendere tutto piu' chiaro. Non ammette la violenza da parte delle forze dell'ordine nel trattamento di queste persone e parla di temi scottanti e attualissimi come la depressione, la droga e la pedofilia.
Sulla pedofilia c'e' la vignetta che vedete accanto (la qualita' e' bassa ma oggi sono un po' di fretta) che dice Older men who are losing their sexual power, sometimes make advances toward little girls (Gli uomini anziani che stanno perdendo il loro potere sessuale, a volte fanno delle proposte alle ragazzine) e si vede l'uomo anziano con la macchina sportiva che avvicina una bambina mentre il poliziotto vigila.
Si parla anche dell'omosessualita', si fa ancora un po' di confusione con i pedofili a un certo punto pero' si dice chiaramente che gli omosessuali non danno problemi e che si comportano cosi' solo con altri adulti che hanno "abitudini simili".

Questi erano gli Stati Uniti nel 1954, niente di fantastico diciamolo, ma nemmeno niente male direi per i tempi.

Questa e' Roma nel 2007.

Ma si puo'?

22 commenti:

Luna ha detto...

sto piano piano leggendo tutto il tuo blog. e mi sembra di conoscerti ogni volta un pò di più.

nonsisamai ha detto...

grazie, anch'io sto leggendo il tuo e penso che abbiamo sicuramente qualcosa in comune. a presto luna...

Malena ha detto...

credo tu ti riferisca a quello che è successo a roma pochi giorni fa davanti al colosseo. è uno scandalo anche solo parlarne. ma l'umanità è destinata a migliorare!

nonsisamai ha detto...

malena: si, mi riferisco al bacio al colosseo, cose dell'altro mondo...

netstar ha detto...

mentre leggevo, ho pensato alla tua identica conclusione...

forse però oggi gli States sono cambiati in peggio in quel senso... O almeno questo traspare da fuori. Tu che ci vivi cosa ne pensi?

nonsisamai ha detto...

netstar: e' per questo che anch'io ero pronta a scandalizzarmi! qui a dallas pero' non mi sembra sia il caso. c'e' un quartiere 'gay' ma non e' un ghetto, anzi e' molto bello e alla moda, poi anche alcune conoscenze sembrano totalmente a loro agio nel manifestare le proprie preferenze, anche sul lavoro.
lo sceriffo di dallas, per esempio, che e' stato eletto dai cittadini, e' lesbica.

stone ha detto...

stupendo blog...c'è addirittura una foto di Squinzano! complimenti p.s. in effetti è davvero scandaloso...

fragile093 ha detto...

Vero: Dallas (vedi zone intorno a downtown e alle universita') tende ad essere realtivamente aperta in questo senso. Pero' e' anche vero che piu' ci si allontana dai grandi centri culturali e meno tolleranza c'e', in genere.

Ovvio, l'America e' talmente vasta che generalizzare e' impossibile, ma e' sempre stato un paese puritano, e per la maggior parte rurale. Gli hate crimes vengono ancora commessi, e i pregiudizi sono tutt'altro che inesistenti purtroppo. A volte penso che qui molti (forze dell'ordine e datori di lavoro compresi) si nascondano dietro alla facciata del politically correct per evitare grane, ma sotto sotto siano ben lontani dall'accettare cio' che e' diverso da loro.

L'umanita' e' destinata a migliorare? Da cinica incallita e futura psicologa sono un po' disillusa, ma da cittadina del mondo sinceramente lo spero tanto, perche' cosi' proprio non va...

marco ha detto...

c'era scritto anche come gestire i blogger pericolosi, nel manualetto? :)

nonsisamai ha detto...

stone: grazie per il complimento, he squinzano merita sei il primo che l'ha notata quella foto...

fragile: certo, hai ragione, ma lo stesso discorso vale anche per l'italia e si potrebbero fare un sacco di esempi anche di questi giorni.

io l'ho gia' detto e lo ripeto perche' ci credo che, malgrado le apparenze, l'umanita' sta andando avanti. stiamo prendendo sempre piu' coscienza della diversita' e della bellezza che ci circonda.

nonsisamai ha detto...

marco: purtroppo no, ma se ti riferisci a me...io non sono cattiva, puoi tornare quando vuoi :)

stone ha detto...

eh l'ho notata perchè passo spesso da Squinzano essendo di san pietro vernotico(un paesino vicino appunto).

alicesu ha detto...

un po' di tempo fa ho trovato un libretto del genere che parlava dell'Aids. Alla fine era di uno squallido e di uno scorretto incredibile.
L'aids è malattia dei gay che sono perversi. E se un etero ha l'aids è solo perchè è andato con una nera di qualche paesaccio inferiore.
Quesat è l'italia di dieci anni fa.
no comment per la denuncia di questi giorni.

fragile093 ha detto...

@nssm: certamente, hai ragione. E' che parlare di "States" in blocco non ha molto senso (discorso che ovviamente vale anche per qualsiasi altra nazione). Si finisce inevitabilmente a ipersemplificare, e a dimenticarsi che tutto il mondo in fondo e' composto da persone singole, con i propri limiti e le proprie qualita', e dinamiche molto piu' simili di quello che si pensi.

Il mio era un tentativo di rispondere alla domanda di nestar e portare la mia esperienza da statunitense acquisita. L'unica cosa che posso (e voglio) fare e' parlare di quello che vedo attorno a me e di cui ho esperienza diretta. E sinceramente tutte queste differenze (in meglio o in peggio) rispetto all'Italia per ora non le vedo. In futuro, chissa'... Da parte mia spero tanto che tu abbia ragione! Just my two cents, no more, no less. :)

nonsisamai ha detto...

stone: che storia, lo so dov'e'! io ho la nonna a squinzano...com'e' piccolo il mondo...

alicesu: io invece ho proprio voglia di commentare. e va bene il family day e la polemica sui dico, ma che due persone non possano nemmeno scambiarsi un bacio in pace, mi sembra davvero inaccettabile.

nonsisamai ha detto...

fragile: ho capito quello che volevi dire credo. e' che sugli states, soprattutto in europa, c'e' una tensione e una specie di antipatia molto superiore a qualunque altro paese. qualunque cosa succeda, si e' sempre pronnti ad attaccare tutto e tutti.
(per es. quando c'e' stato il massacro al virginia tech qualcuno ha scritto su queste stesse pagine che non provava nessuna pena per gli studenti morti)
io stessa: quasi quasi sono rimasta delusa quando ho letto il libretto e ho visto che non c'era nulla da scandalizzarsi :)

insomma, come dici tu, prendiamo le cose un po' piu' con calma in qualunque paese succedano.

grazie per la profondita' delle riflessioni contenute nei tuoi commenti, cara Fragile.

skalabrina ha detto...

questo è davvero inaccettabile...mi disgusta il fatto che li abbiano addiritura portati in caserma...ma pensare a fermare la gente ubriaca che guida o altre cose più importanti, no????????

trippy ha detto...

"...ma la storia...cambierà..."
(op. cit.)

nonsisamai ha detto...

skalabrina: e' quello che ho pensato anch'io...

trippy: speriamoooo :)

fabdo ha detto...

Come trovarti per caso e scoprire tante affinità :)

Purtroppo si può questo ed altro nella nostra Italia :(

kusjes
DoDo, un'altra italiana con la valigia, partita da Brindisi e atterrata in Olanda :)

nandina ha detto...

che dire? a parte che stando in italia me l'ero persa la chicca Romana?
In effetti il libercolo americano tutto sommato non è malissimo...
ciao!

nonsisamai ha detto...

fabdo e nandina:

benvenute!

il libercolo non e' malissimo per il 1954 e il fatto di roma e' malissimo soprattutto nel 2007...

ricambiero' presto la vostra visita... alla prossima