mercoledì 13 giugno 2007

dare un peso alle cose, tutte

-Ci sei mancata tanto in questa casa

- Anche voi due nel resto del mondo

E cosi' sono a casa, niente piu' accenti sulla tastiera come si puo' vedere.
Il viaggio e' stato molto piacevole tranne per la cifra sborsata alla Swiss per l'eccedenza dei bagagli ( he gia', direi che a questo punto ho imparato a dare un peso alle cose, proprio a tutte!) e per i nuovi controlli. A Zurigo ho aspettato in coda per piu' di un'ora. Non avevo dormito nulla e loro facevano un sacco di domande con fare inquisitorio: dove hai fatto le valige? Le hai mai perse d'occhio? Qualcuno ti ha regalato qualcosa? Puoi affermare che tutto quello che trasporti e' tuo, cioe' sai da dove arriva, appartiene a te? Eccetera.
Non mi era mai capitato, non so se sia la nuova procedura o solo il fatto che la maggior parte dei passeggeri fossero ebrei ortodossi provenienti da Tel Aviv e diretti a New York. Comunque, non mi lamento mai dei controlli, avevo solo un gran sonno. L'unica cosa che mi infastidisce e' trovare la notifica dell'ispezione nei bagagli imbarcati perche' significa che qualcuno ha messo le mani nella mia roba senza che lo abbia visto, sono un po' paranoica forse. Anche perche' poi tutto sommato e' gia' buona che arrivino a destinazione i bagagli imbarcati.
Conosco gente che si imbottisce di lexotan per affrontare questo tipo di voli, io invece ho un ansiolitico naturale: il mal d'aria. La sensazione e' un rimbambimento acuto che tiene lontano ogni tipo di timore, anche perche' poi, diciamocelo, cosa si puo' fare? Tanto vale abbandonarsi al fatalismo. In queste condizioni, il problema e' che quando arrivo a destinazione non mi sento mai pronta. Credo di essere uno dei pochi passeggeri che dopo ore e ore di volo pensa Ma guarda...gia' arrivati...
E' che mal d'aria a parte, volare mi piace. Prenoto sempre un posto accanto al finestrino anche se poi magari e' un po' scomodo quando vuoi sgranchirti le gambe perche' trovo ancora che sia un privilegio quello di poter guardare le cose dall'alto.

Al controllo documenti ho ripreso subito il filo della sottile ironia dei poliziotti americani:

- How are you today?

- Very good, just a little tired

- Tired? To chase rich men around the world?

Cafone! Ma questo l'ho solo pensato.

19 commenti:

Anja ha detto...

Guarda cara, quella delle domande dipende dalle compagnie. Lufthansa e Klm di solito la fanno. O almeno a me è sempre capitato negli utlimi anni.
Il punto è cercare di non scoppiare a ridere. E poi immaginarsi cosa succederebbe se ci viaggaisse mio padre.

nonsisamai ha detto...

anja: ti giuro, ci ho pensato anch'io ai miei in quella situazione! li' si che ci sarebbe da ridere :))

Ile ha detto...

la notifica dell'ispezione NOOOOOOOO! Cacchio, a me nn e' mai successo, ma sarei una iena!
Il poliziotto? A jerk! NO WAY!

Torino-Kiel ha detto...

Quando viaggio in aereo non mi occorre alcun tranquillante. Il dolore causato dalla stretta di mano della mia ragazza, che per paura ha trovato nel mio arto un punto di sfogo, allontana la mia mente da pensieri negativi.
Il dolore è però tremendo!

nonsisamai ha detto...

ile: a me un po' di volte, chissa' con che criterio fanno le ispezioni...

torino kiel: he, si', ci vuole un diversivo, he! he!

Anonimo ha detto...

NinaVonBondies

che bello, di nuovo dagli iu es ei!!! cioè, eri cara anche qui, ma da lì racconti cose che noi non possiamo vedere ed è bello immaginare.

anch'io voglio sempre viaggiare vicino al finestrino, per guardare le nuvole e la terra quando si intravede...

baci

netstar ha detto...

A me per fortuna non hanno mai rotto le scatole coi bagagli, altrimenti l'ultima volta avrei dovuto lasciarci le penne, eheh... ;)

fabio ha detto...

A mio avviso il posto più bello sull'aereo è quello lato finestrino al di sopra dell'ala.. perchè si vede come funziona!!!

lafrancese ha detto...

ma buongiorno!! sembra me stamani quando alle 8,44 ho guardato la sveglia e mi sono ritrovata subito in bici per arrivare a lavoro alle 9,30! uff e senza fuso orario!!

per i voli ti capisco, ho volato due volte con una amica imbottita di lextan, lei rimaneva sveglia io dormivo... :-)

unaltrasera ha detto...

dai, però, si dice sempre che i simpatici siamo noi italiani, ma mica è vero, sono dei giovialoni anche gli americani..

Anonimo ha detto...

Ciao bionda (ex),
approfitto del tuo blog per una comunicazione di servizio: stanotte è nata Anita, la bimba di Ida...da vera donna, è arrivata in ritardo...te l'ho detto che è un continuo parlare di matrimoni e di bambini
Bocculus

Ubikindred ha detto...

Bastasse il fasdtidio, credo che Berlusconi sarebbe salito al Colle da mesi! ;-p
P.S.
Mah, magari nel suo modo pieno di tatto quello del poliziotto voleva essere un complimento (!), le donne brutte non cercano di accalappiare uomini ricchi in giro per il mondo, suppongo (o sì? Boh!)

amoilmare ha detto...

A me viene la sonnolenza da volo..ho un'autonomia di circa un'ora, ma poi devo dormire..in un volo diretto milano-los angeles credo di essermi svegliata solo per pochi minuti, nelle pause pasti e durante il sorvolo della Groenlandia...tanto quando sei lassù bisogna abbandonarsi al fato, non c'è scelta ;)

Anonimo ha detto...

per ubikindred: perchè le donne brutte non dovrebbero cercare uomini ricchi in giro per il mondo? cosa facciamo, discriminiamo...se si sposassero solo i belli, sai quanti zitelli...e poi non penso esistano il bello/brutto oggettivo
Bocculus

nonsisamai ha detto...

nina: he si', forse e' questo il bello, la novita', pero' anche in italia di cose che 'non si possono immaginare' ne ho viste parecchie :)

netstar: adesso devi dircelo! cosa portavi?? :)

fabio: tipico tuo :)

lafrancese: non stiamo facendo una grande pubblicita' al lexotan! :)

unaltrasera: normalmente si', ma quel tipo...il problema e' che non c'e' tanto da discutere con uno che ha la tua green card in mano...

bocculus: che bello!!! falle tantissimi auguri da parte mia!!ti scrivo dopo!

ubik: si, ma non immaginarmi come una mangiauomini!! :)

amoilmare: same here! ;)

nonsisamai ha detto...

bocculus: oh!! ben detto!!!

ubikindred ha detto...

Non mi risultano miriadi di uomini ricchi con ragazze bruttarelle o sbaglio (o anche il contrario, comunque)?
Quelli che discriminano sono loro, non noi (io alla categoria uomini ricchi non mi avvicino neanche da lontano, per cui non c'entro).
Poi, se vogliamo credere a babbo Natale...amen

Ubikindred ha detto...

Nonsisamai, ma no che c'entra? chi ti immagina come una mangiauomini? :-D
Non ti preoccupare.
Il mio era un tentativo di dare una chiave di interpretazione accettabile a quella che sembrava un'inspiegabile cafonata gratuita

nonsisamai ha detto...

ubik: ma figurati, ho capito benissimo. credo che autoconvincersi di sembrare una mangiauomini sia il metodo piu' indolore per giustificare l'idiozia del tipo :D